MAR50

Martinetti meccanici a vite traslante

Sistemi di sollevamento e azionamento

Sistema di costruzione modulare per una soluzione versatile e completa, i martinetti meccanici permettono di trasformare un movimento rotatorio in un movimento lineare di sollevamento e/o traslazione «in trazione o spinta».
• Vite trapezia in acciaio inox AISI 304, filettatura TPN Ø18 - passo 4 mm
• Carter in alluminio anodizzato, alberi e ingranaggi in acciaio induriti con trattamento superficiale con elevata resistenza all'usura
• Lubrificati con grasso lunga vita Klüber, non necessitano di manutenzione
• Lunghezze standard vite trapezia in mm: 100 - 200 - 300 - 400 - 700 - 1000
• Possono essere utilizzati singolarmente oppure in gruppi opportunamente collegati tramite alberi, giunti e/o rinvii angolari
• Movimento manuale o motorizzato
• Possibilità di visualizzazione 

➤ Disponibile a richiesta:
• Protezione rigida in alluminio (opzionale in inox) con molla a spirale in accaio inox AISI 303 fino a lunghezze di 400mm.

Per versioni visualizzate e movimentate, per il montaggio di più martinetti e l’accoppiamento a giunti, trasmissioni e rinvii angolari, rivolgersi all’ufficio tecnico.

Molteplici settori di impiego: ovunque si renda necessario sollevare pesi importanti, regolare le altezze o cambi formato nelle macchine automatizzate per lavorazione plastica, lamiera, nell’alimentare, tessile, stampa/carta, nel packaging, etichettatura, riempimento, nelle linee di assemblaggio, piattaforme di sollevamento e/o regolazione, elevatori e sollevatori.

Photogallery

MAR50



1. Vite trapezia Ø18x4
2. Nr. 3 M4 di fissaggio 


MAR50-PROT -------------------------------------------------------------------
 


 
1. Vite trapezia Ø18x4
2. Nr. 3 M4 di fissaggio  
 

                                                     INSTALLAZIONE                                                          

L’installazione deve essere eseguita in modo da non creare carichi radiali/laterali, principale causa di guasti sull’asta fillettata. L’asta e il piano di fissaggio del riduttore devono essere ortogonali ed è necessario verificare l’assialità tra il carico e l’asta stessa evitando eccentricità. Per l’applicazione di più martinetti (collegati anche tramite trasmissioni) è indispensabile che il terminali siano perfettamente allineati per ripartire il carico in modo unifome, in questo caso è consigliabile l’uso di giunti per assorbire i disallineamenti.
VERFICA DIMENSIONAMENTO:
• Carico (N) = la forza applicata alla vite traslante del martinetto (10 N  1 kg)
• Velocità di rotazione (mm/min) = è la velocità desiderata di movimentazione del carico, è buona norma limitare la velocità di rotazione a «max 1500 rpm» in entrata
• Corsa (mm) = è la misura lineare necessaria per movimentare il carico, in genere coincide con la lunghezza totale dell’asta fillettata
• Protezione (opzionale) = è necessaria per proteggere l’asta da impurità, sporcizia, corpi estranei e/o montaggio e movimenti oscillanti
• Momento torcente (Nm) = coppia richiesta per la movimentazione del carico

                                           CARICHI RADIALI E ASSIALI                                                

I carichi sono originati dagli organi collegati al riduttore e hanno svariate cause quali tiri cinghia, accelerazioni e decelerazioni, disallineamenti della struttura, vibrazioni, urti, etc. 
I carichi agenti sugli alberi possono essere di due tipi: 
radiali ‹FR› (forza radiale) ed assiali ‹FA› (forza assiale) in riferimento all’asse dell’albero stesso; la forza assiale può essere in trazione o compressione (da indicare in fase d’ordine). 
FR - forza/carico radiale agisce in direzione perpendicolare all’albero/asse
FA
- forza/carico assiale agisce in direzione dell’albero/asse

                         IN COMPRESSIONE

                                                                      IN TRAZIONE

Accesso Area Riservata

Password dimenticata?


Richiedi l'accesso




*Campi necessari

                                              CARICHI RADIALI E ASSIALI                                             

I carichi sono originati dagli organi collegati al riduttore e hanno svariate cause quali tiri cinghia, accelerazioni e decelerazioni, disallineamenti della struttura, vibrazioni, urti, etc. 
I carichi agenti sugli alberi possono essere di due tipi: radiali ‹FR› (forza radiale) ed assiali ‹FA› (forza assiale) in riferimento all’asse dell’albero stesso; la forza assiale può essere in trazione o compressione (da indicare in fase d’ordine). 

  

                                           CARATTERISTICHE TECNICHE                                          

Senso di rotazione vite  DX / destra
Dimensione vite

TPN Ø18 - passo 4 mm

Materiale molla a spirale AISI 303: accaio inox   
Carter: materiale 

alluminio: anodizzato nero

Carter: peso

1 kg

Peso vite/m  1,4 kg          
Alberi: materiale acciaio (indurimento superficiale)
Ingranaggi: materiale  acciaio (indurimento superficiale)
Lubrificazione grasso Klüber AG 11-462  
FR carico radiale  100 N (10 N 1 kg)
FA carico assiale in trazione e compressione 1000 N  (10 N 1 kg)
Carico vite non ammesso
Max nr. di giri in ingresso (1/min)  1500 rpm 
Gioco massimo   0,75° ÷ 1.5°
Durata  10.000 ore
Temperatura di lavoro  -20 +80°


i 1/1 1/2,5 1/5 1/7,5 1/10 1/12,5 1/15 1/25 1/30
R    % 0,72 0,74 0,60 0,61 0,54 0,39* 0,45* 0,25* 0,29*

TI  Nm

13,95 5,42 3,32 2,19 1,84 2,04 1,48 1,62 1,13
TO Nm 10 10 10 10 10 10 10 10 10
v mm/s 100 40 20 13,3 10 8 6,6 4 3,3

* irreversibilità

Legenda simboli:
i   =  rapporto di trasmissione
R  = rendimento
TI  = coppia in ingresso
TO = coppia in uscita
v = velocità di traslazione

 

⁃ Per l’identificazione del martinetto più adatto alle proprie esigenze, verificare i valori riportati in tabella per ogni modello. Qualora i carichi e i rendimenti reali siano molto vicini ai valori tabellari contattare l’ufficio tecnico.
⁃ Tutte le tabelle dimensionali riportano misure lineari espresse in ‹mm›, se non diversamente specificato. 
⁃ Tutti i rapporti di riduzione sono forma di ‹frazione› se non diversamente specificato. 
⁃ Tutte le forze, i rendimenti e i carichi sono espressi in ‹N o Nm› (10N ≅ 1Kg o 10Nm ≅ 1Kgm) se non diversamente specificato.